POKER - DUECENTO DONNE AL TAVOLO: POKERCLUB LANCIA LA NUOVA SFIDA

Poker leggere 87663

È giugno e sono seduto in un ristorante di Budva, in Montenegro. Un cameriere allampanato alliscia con qualche parola in italiano i clienti al tavolo di fronte, un gruppo di giocatori baresi di slot che parlano con il regolamentare tono di voce troppo alto. Sono appena arrivati con un volo charter assieme alle loro camicie floreali impossibili e agli occhiali da sole, ordinano vassoi di pesce che domani, dopo una notte di gioco in perdita, potrebbero generare inediti dubbi di opportunità. Poi di nuovo una lunga e ininterrotta distesa di ska balcanico.

SuperEnalotto

I 5 libri sul poker da capire assolutamente 4 Maggio 0 0 0 0 Il gioco del poker è una materia di studio in continua evoluzione. Che si parli di online o di live, di tornei oppure di cash, ogni giorno i giocatori di tutto il mondo cercano di migliorarsi e di adattarsi alle tendenze degli avversari per essere vincenti. Nuove formule e nuove strategie vanno sempre elaborate. Ecco perché chi studia il poker ricorre solitamente a software, corsi online o coach in carne e ossa per analizzare range, mani e tutto il resto. Beh, dovrebbe individuo chiaro a tutti che non alt un testo stampato sul poker per diventare un campione. Eppure ci sono dei libri che hanno fatto la storia e che meritano assolutamente un posto di rilievo nella libreria di ogni giocatore. Ci sono autori americani come Dan Harrington o David Sklansky che sono ancora dei punti di riferimento per tutti gli appassionati e anche qui in Italia la letteratura non manca. Proviamo allora a compilare una top five dei libri imperdibili sul poker, senza dimenticarci che esistono anche dei pregevoli romanzi dedicati al nostro amato gioco.

Poker mindset : di Matthew Hilger

In questo modo si avrà più libertà di movimento e non si correrà il rischio di finire subito committed, cioè di essere costretti fin dalle prime mani a rilanciare o battezzare any card, subendo il gioco di avversari con stack superiore. Range di carte da giocare Nelle prime fasi è consigliabile un atteggiamento più difensivo possibile, limitandosi giocare solo le carte di cui siete sicuri. Questo eviterà do perdere parte del vostro stack in piatti in cui si è entrati solo per curiosità o per una errata valutazione di una direzione che in seguito non è stata adeguatamente protetta contro le puntate oppure i rilanci degli avversari.

Tutte le categorie

PHIL IVEY Phil Ivey è stato il primo giocatore professionista afroamericano a arrivare l'aria rarefatta dei supercampioni di Texas Hold'em, la versione del poker esplosa in popolarità grazie a televisione e Internet, ammassando, oltre a nove titoli e relativi braccialetti da campione del Mondo, fino a 19 milioni e mila dollari in un anno. Cifre da superstar dello sport. Per il suo viso dai tratti eleganti epoca stato soprannominato dai media il "Tiger Woods" del gioco e lui, innumerevole per aggiungere un altro asso alla propria mano, preferiva definirsi il "Michael Jordan" del poker, come l'irraggiungibile enorme del basket. Gli occhi nel cupola, quelle telecamere nascoste nel soffitto affinché osservano ogni mossa di ogni atleta a ogni tavolo, e gli occhi ancora più diffidenti installati nel aspetto dei "pit boss", i sorveglianti affinché controllano i tavoli, lo accusano di avere praticato l'edge sorting, di beni imparato a "leggere" il dorso della carte da un difetto impercettibile di fabbricazione. Una tecnica apparentemente non delittuoso che va ben oltre la clamoroso enciclopedia del baro con microcomputer nascosti nelle mutande, interruttori sotto il ditone del piede o la sempre cittadino complicità del dealer, dell'impiegato che smazza le carte, spesso conclusa con atto, espulsione e, si dice, qualche vigorosa martellata sulle dita del furbo. Il solo indizio che stesse facendo qualcosa di strano era la sua continuitа nel chiedere che il mazziere distribuisse le carte molto lentamente. Tra le proprie due carte coperte e iniziali e le cinque comuni a tutti scoperte i giocatori formano le combinazioni tradizionali del poker e puntano. Apprendere quali siano le carte coperte dell'avversario offrirebbe un vantaggio colossale e attuale, l'asso degli assi, il miglior pokerista del mondo secondo i siti e gli esperti nella prima decade del Duemila, faceva, dando una robusta agevolazione alla fortuna.

Leave a Reply

Your email address will not be published.*